12.2 Sviluppare L'Abilità di Potenza

Posizione di partenza – considerazioni generali

Con qualsiasi posizione di partenza è necessario avere ben chiaro perché, quando e come ogni esercizio può migliorare l’efficienza di start. Le posizioni di partenza possono essere allenate in una infinità di modi e di posture, limitate solo dalla tua immaginazione e da quanto hai compresi i principi biomeccanici che governano la partenza. Studiare le richieste dello sport di riferimento è la via migliore per indirizzare in modo differenziante ed efficiente il tuo allenamento. Per gli sport di squadra puoi includere partenze da prono, supino, decubito laterale, su un ginocchio, su due ginocchia, dopo scontri, o decelerazioni per poi riaccelerare.

Metrica di partenza
Come principio generale di accelerazione e di partenza, l’angolo di proiezione sarà strettamente dipendente dalla postura di partenza e dai metodi utilizzati. Per le partenze da fermo 45° rappresenta la baseline dell’angolo di proiezione. Può aumentare se il momento o la velocità vengono introdotte nel metodologia di partenza. Per tutti quegli atleti a cui mancano requisiti di forza e potenza per una partenza efficiente a 45° di angolo di proiezione, conviene richiedere una posizione più eretta fino a trovare l’angolatura più consona a loro in quel momento.
La distanza da percorrere nelle partenze dipende dall’obiettivo della sessione, dal periodo dell’anno, dalle abilità dell’atleta, dai mezzi che puoi utilizzare e dall’ambiente in cui alleni. Tuttavia, quando lavoriamo le partenze per acquisirne la giusta tecnica, possiamo lavorarci in maniera isolata e poi progredire sui 5-10m. una volta che abbiamo la giusta tecnica, possiamo progredire con accelerazioni sui 10-40m, poi alle sessioni di velocità sui 30-70m.

Nella maggior parte dei casi, quando uso le partenze è in sessioni il cui obiettivo è lo sviluppo dell’accelerazione o della velocità. Come gran parte degli esercizi, anche per questi è quasi inutile darsi un numero specifico per il volume: osserva la postura corretta, kinematica, la cinetica, l’umore e poi aggiusta il carico di lavoro affinchè sia efficiente, non infici il benessere del tuo atleta, e ricopra la distanza che ti occorre per quella sessione.

Inventario degli esercizi di partenza

  1. The “Rolling” / “Rollover” start
  2. Rollover start with throw
  3. The walk-in, skip-in start
  4. The “3 point” start
  5. Resisted starts
    a. Pulling (1080 sprint o elastico)
    b. Towing a sled
    c. Pushing (sled)
  6. Partner resisted start – The “Post Up” drill / “Half Start”
  7. Posizioni alternative di partenza per attività a catena aperta
    a. Hk
    b. Cutting
    c. Crossover
    d. Deceleratio into re-acceleration
The “Rolling” / “Rollover” start
Rollover start with throw
The walk-in
skip-in start
The “3 point” start

Per tornare alla tua Bacheca clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *