9.6 Il Lavoro Eccentrico

Il termine ‘eccentrico’ si riferisce ad un’azione in cui un muscolo si allunga sotto tensione. Non solo le azioni dei muscoli eccentrici sono spesso usate dagli allenatori della forza come un potente stimolo per rinforzare i muscoli, ma hanno anche posto sfide uniche alle teorie scientifiche alla base della contrazione muscolare.
Nel suo seminario del 1957, Andrew Huxley, notò, analizzando tabelle, che nella relazione forza-velocità l’energia prodotta dalle contrazioni di allungamento (quindi eccentriche) era maggiore di quella prodotta da contrazioni isometriche.
Inoltre, quando un muscolo attivo viene forzatamente allungato a una nuova lunghezza, la nuova tensione generata crea la possibilità di aumentare il carico di lavoro senza alcun pre-stiramento.
Nel suo libro del 1980 “Reflections on Muscle”, Huxley discute frequentemente di azioni eccentriche. “…Immagino che si siano evolute caratteristiche speciali nell’atleta che permettano che questo allungamento (dei muscoli) avvenga senza danneggiare i muscoli …”
Sembra che la natura delle azioni dei muscoli eccentrici sia misteriosa e possa contenere segreti nascosti. È questo il motivo per cui gli allenatori esperti di forza trovano così tanto potenziale con metodi di allenamento eccentrici? Perché se una cosa è chiara, i metodi di allenamento eccentrici sono di fondamentale importanza per preparare l’atleta d’élite.
Studi condotti nel 2005 dimostrano cambiamenti robusti e marcati nei muscoli dopo il carico eccentrico o teso inclusi gli aumenti della lunghezza della fibra muscolare, che teoricamente aumenterebbe la velocità massima dell’accorciamento. Mentre la forza eccentrica può essere superiore del 40-60% rispetto alla forza isometrica nei test muscolari isolati, gli ztleti sembrano incapaci di raggiungere la piena capacità del muscolo scheletrico durante le azioni dei muscoli eccentrici. Ciò può essere dovuto all’inibizione neurale a livello del midollo spinale, che è reversibile con un allenamento di forza regolare e intenso. Aneddoticamente, gli atleti d’élite hanno confermato gli effetti positivi di un intenso allenamento della forza eccentrica massimale. Ciò include il reclutamento delle unità motorie con soglia massima (contrazione veloce, fibra di Tipo IIx), rimozione dell’inibizione neurale al midollo spinale, cambiamenti qualitativi nei muscoli e miglioramenti nella forza attraverso la relazione velocità-forza.
Come ogni allenamento, quello eccentrico, prima di esser somministrato deve esser adattato in base alla maturità atletica del nostro soggetto.


Per tornare alla tua Bacheca clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *